E L E T T R A N E W S (elettranews) wrote,
E L E T T R A N E W S
elettranews

CHEAP FESTIVAL: I MANIFESTI!

Qualche post fa avevo scritto di CHEAP, una manifestazione di street poster art che si e' tenuta a Bologna la settimana scorsa, dal 9 all'11 maggio. Avevo partecipato alla call inviando tre soggetti, e due sono stati selezionati e affissi nell'ambito della sezione CHEAP OUT della manifestazione, ovvero in alcuni spazi accuratamente selezionati nella banlieue di Bologna, spazi che - grazie ai manifesti - si sono trasformati in bellissime gallerie d'arte open air.
Ecco qui di seguito le due immagini che ho spedito alla call e la loro ambientazione sui muri bolognesi.
La prima e' "senza titolo":
cheap manifesto 02
ed e' stata affissa davanti alla Conad del Pilastro, in via Pirandello 18 a Bologna:
cheap_il mio manifesto al pilastro (bologna)

La seconda e' "Daddy" (uno dei fotomontaggi che ho portato alla discussione della tesi lo scorso anno e che ho riadattato come dimensioni in occasione del festival CHEAP):
cheap, manifesto 01
e questa e' stata affissa lungo i muri della ex Caserma Sani in Via Ferrarese, alla Bolognina:
cheap_il mio manifesto alla bolognina (bologna)
Mi e' piaciuto moltissimo ritornare a Bologna dopo diversi anni (giornata di sole, ricordi di antiche fiere del libro per ragazzi, ricordi di studio alla biblioteca dell'Archiginnasio, insomma la giovinezza scapestrata ha bussato alla memoria :), e ancora piu' mi e' piaciuto vedere un paio di immagini da me prodotte sparate in grande dimensione su muri anonimi eppure accoglienti. Di solito io coltivo amorosamente i miei fotomontaggi sul mio computer e poco faccio trapelare di questa attivita' di incollaggio informatico, che ormai mi interessa da un paio di anni; inoltre non avevo mai considerato che la street art, a causa delle dimensioni in cui vengono proposti i lavori artistici in uno spazio pubblico, coinvolge valutazioni spaziali simili a quelle della scultura. Fatto sta che la visione di piu' di cento poster affissi lungo il triste e austero muro di una caserma mi ha fatto capire come l'arte abbia il potere di trasformare l'ambiente, e non solo di dilettare lo sguardo o sollazzare la mente, e lo puo' fare in modo molto evidente in luoghi non preposti ad accoglierla, ad esempio il muro di una caserma al posto di un blasonato museo o di una galleria. Un'illuminazione preziosa!
Questi manifesti resteranno in esposizione sui muri bolognesi fino a che le intemperie non li deterioreranno o gli umani non li strapperanno.

Tags: bologna, cheap festival, fotomontaggio, poster art
Subscribe

  • Featured on Saatchi Art catalog Spring 2017

    Sono deliziata di essere stata inserita nel catalogo cartaceo Saatchi Art Spring 2017, con una stampa mokuhanga del 2013, intitolata So-No-Shin 1.…

  • RESURFACE

    Rieccomi sul blog. L'ho lasciato orfano a settembre, presa dai gorghi della xilografia giapponese e dello spaesamento di essere tornata nella…

  • Secondo giorno: Ueno e Akihabara

    Oggi giornata di pioggia, caldo e afa. Sono andata a Ueno, per capire dove si svolgerà la conferenza a partire da mercoledì. La sede,…

  • Post a new comment

    Error

    default userpic

    Your reply will be screened

    Your IP address will be recorded 

    When you submit the form an invisible reCAPTCHA check will be performed.
    You must follow the Privacy Policy and Google Terms of use.
  • 0 comments